Giovanni Testori

cosa ha fatto

Guida al motore di ricerca

Ecco qualche indicazione sui criteri adottati nell'ideazione, compilazione e visualizzazione dei risultati di questo motore di ricerca.
CONTENUTO

Il contenuto: 3000 voci circa

Sono stati inventariati, schedati e descritti in una voce bibliografica quasi 1600 scritti editi di Giovanni Testori, tutti quelli conosciuti fino al 2007, siano essi: scritti pubblicati per la prima volta¹, ripubblicazioni o traduzioni².

Sono state inoltre inseriti anche circa 330 interventi orali di Testori,  quasi 1000 opere grafiche e pittoriche e un primo nucleo di corrispondenza inviata da Testori.

Contiamo di inserire al più presto anche l’inventario dell’Archivio e i contributi della Fortuna critica realizzati sulla figura di Giovanni Testori e sulla sua produzione.

ORDINE DELLE VOCI

Le voci sono raggruppate in categorie a seconda della diversa tipologia di contenuto e materiale:

  • In Volume (V) scritto pubblicato in un libro, catalogo di mostra, opuscolo, programma di sala o LP
  • In Periodico (P) scritto pubblicato su quotidiano, rivista o almanacco
  • Traduzione (T) scritto pubblicato in lingua straniera
  • Riedizioni o Raccolte (R) scritto ripubblicato integralmente o che comprende più scritti ripublicati
  • Interventi Orali (IO) interviste pubblicate in periodico o in volume, dibattiti e interventi pubblici come presentazioni e conferenze
  • Opere Grafiche e Pittoriche (OGP) opere d’arte divise tra disegni e dipinti
  • Fondo Associazione Testori (FAT) documenti e materiale inventariato conservato presso l’Archivio a Casa Testori
  • Fondo Regione Lombardia (FRL) documenti e materiale archivistico inventariato
  • Fortuna Critica (FC) scritti, pubblicazioni e interventi dedicati a Testori
  • Corrispondenza Inviata (CI) lettere, telegrammi e cartoline inviate da Testori
  • Corrispondenza Ricevuta (CR) lettere, telegrammi e cartoline ricevute da Testori
STRUTTURA DELLE VOCI

Introduce la voce, il codice identificativo (es. 1950.V34) formato dall’anno di pubblicazione o di realizzazione dell’intervento, da una lettera, (V, P, T, R, IO, OGP, FAT, FRL, FC, CI, CR) che ne segnala l’appartenenza alla categoria e da un numero progressivo.


1 – Se lo scritto o l’intervista censiti sono pubblicati in un periodico o in un volume di cui Testori non è esplicitamente indicato come unico autore o curatore:

Nella prima riga è posto il titolo dello scritto, seguito, per gli scritti in periodico, dall’eventuale Occhiello (O) e Sottotitolo (S).

Seguono annunciate dalla dicitura In: le informazioni sulla pubblicazione che contiene lo scritto o intervista:

Per gli scritti o interviste in Volume

autore/i³, titolo del volume, luogo e nome dell’editore, collana (tra virgolette uncinate: « »), numero collana e numeri di pagina dello scritto di Testori (se non indicate: psn).

Per i cataloghi di mostra vengono indicate: Sede, Città e, ove precisate in catalogo, date dell’esposizione.

Per gli scritti o interviste in Periodico testata, città di edizione, annata (in numeri romani), numero, eventuale indicazione di nuova serie (n.s.), data o periodo di edizione, rubrica (R) e numeri di pagina.


Concludono la voce la Nota con notizie utili all’identificazione del contenuto dello scritto, riferimenti a riedizioni e raccolte.


Al termine della voce sono indicati, grazie al loro codice identificativo (es. 1950.V34), link alle riedizioni integrali dello scritto e la sua eventuale presenza in una delle raccolte di scritti testoriani.


2 – Lo scritto coincide con un volume di cui Testori è esplicitamente indicato, in frontespizio, come autore o curatore:

Nella prima riga viene indicato il titolo del volume.

Seguono le informazioni sul volume nello stesso ordine sopradescritto e, nella nota, vengono indicati eventuali titoli degli scritti di Testori contenuti nel volume, per i quali, essendo tutto il volume ascrivibile a Testori, non vengono date indicazioni di pagina.

ABBREVIAZIONI

Codici utilizzati
V: In Volume
P: In Periodico
T: In Traduzione
R: Riedizioni
IO: Intervisti Orali

OGP: Opere Grafiche e Pittoriche

FAT: Fondo Associazione Testori

FRL: Fondo Regione Lombardia

FC: Fortuna Critica

CI: Corrispondenza Inviata

CR: Corrispondenza Ricevuta

 

 

Abbreviazioni nel testo
R: Rubrica
S: Sottotitolo
O: Occhiello
n.s. nuova serie
n.f. non firmato
p.s.n. pagine sine numero
s.n. sine numero
CC Corriere Cultura

NOTE

1 – Scritti pubblicati per la prima volta
Costituiscono voce bibliografica tutti gli scritti di Giovanni Testori pubblicati in lingua originale per la prima volta.
Nel caso che un volume o periodico contenessero più di uno scritto di Testori, è stata normalmente mantenuto il rapporto uno scritto – una voce; per evitare una prolificazione delle voci che avrebbe compromesso l’usabilità del sito, si è deciso di accorpare in un’unica voce le schede ed expertise pubblicate in un unico catalogo d’asta o volume.
Sono state inserite le pubblicazioni di relazioni o presentazioni lette in pubblico, solo se chiaramente preparate per iscritto e revisionate dall’autore per la pubblicazione.
Qualora alcuni scritti di Testori, racconti o articoli, già editi siano stati raccolti dallo stesso in un nuovo volume, si è considerato quest’ultimo a tutti gli effetti una nuova pubblicazione e non una riedizione. Nel caso di una raccolta di scritti testoriani non sia avvenuta per volontà di Testori, o perchè postuma, o perchè attribuibile ad un diverso curatore è stata trattata come una semplice Ripubblicazione e trattata come una singola voce, per gli stessi motivi di praticità considerati nel caso dei cataloghi d’asta.


2 – Ripubblicazioni o Traduzioni

Segnalate in due categorie distinte sono state inserite le pubblicazioni in traduzione (T) e le ripubblicazioni degli scritti (R). A fianco del titolo dello scritto o del volume, è stato posto il rinvio alla prima pubblicazione dello scritto, nel caso delle ripubblicazioni, o alla pubblicazione in lingua italiana, per le traduzioni. Non sono state prese in considerazioni pubblicazioni parziali o semplici citazioni. Nel caso di ripubblicazioni di uno scritto in traduzione, quest’ultimo è stato inserito tra le ripubblicazioni e il rinvio a fianco del titolo fa riferimento alla prima pubblicazione in traduzione.


3 – autore/i
Gli autori o curatori dei volumi che contengono uno scritto di Testori vengono indicati solo se in numero uguale o inferiore a tre; per volumi con interventi firmati da più di tre autori va sottointesa la dicitura AA.VV.

Torna su