Giovanni Testori

ALTRE RELAZIONI
1944-1945 Le fucilazioni
Ai mesi a cavallo tra il 1944 e il 1945 risalgono una serie di disegni ad inchiostro dal titolo 'Fucilazioni' ispirati ad alcune poesie di Giancarlo Pozzi composte tra il 1943 e il 1945. I disegni descrivono, attraverso immagini di esecuzioni e corpi esanimi, la drammatica condizione dei partigiani italiani negli anni della Resistenza. La linea predomina sul colore e il tratto grafico essenziale esaurisce la sintassi iniziale cubista per piegarsi verso un linguaggio più naturalistico. La volontà espressa da i due artisti, come testimonia lo stesso Pozzi, era quella di trovare " il punto di equilibrio tra un dolore e un grido", tipico di quell'arte realista che aveva subito l'impatto con la forza interventista di 'Guernica', dipinta da Picasso nel 1937.
Scroll to Top